Camilla Läckberg

Camilla Läckberg: è svedese la regina del thriller

Pochi nomi scandinavi sono noti e diffusi nell’immaginario comune globale (o, almeno, occidentale) come quello di Camilla Läckberg. Una scrittrice che in poco tempo è salita alla ribalta dando nuovo slancio a un genere in cui gli scandinavi sono già di per sé molto bravi: il thriller.

Trame intricate, personaggi profondi e imprevedibili, una scrittura lineare e piacevole hanno permesso a questa artista di scalare le classifiche in numerosi paesi del mondo, facendole meritatamente ottenere il titolo di regina del thriller; ma la Läckberg, conosciuta per la serie dedicata ai personaggi di Patrick Hedström e Erica Falck, è autrice anche di saggi, libri di cucina e romanzi per l’infanzia.

Scopriamo chi è.

Infanzia ed esordi di Camilla Läckberg

Il nome completo della scrittrice è Jean Edith Camilla Läckberg Eriksson, secondo l’usanza tipicamente scandinava di avere diversi nomi. È nata il 30 agosto 1974 a Fjällbacka, un paesino minuscolo che conta circa 800 abitanti nel Götaland, Svezia Sud-Occidentale non distante dalla Norvegia e a nord di Göteborg – la seconda città svedese per dimensioni, sede di Volvo. 

Camilla Läckberg

Fjällbacka, che si sostiene con pesca e turismo, era già famoso prima che la Läckberg lo rendesse ambientazione dei suoi romanzi perché era la residenza preferita di Ingrid Bergman quando l’attrice tornava in Svezia. Qui, Camilla comincia a maturare la sua passione per la scrittura, talento che esprime per la prima volta all’età di 5 anni con Tomten, una storia su Babbo Natale non certo spensierata e allegra, visto che è già prova della sua attrazione verso il mistero e verso l’oscurità.

Studia Economia all’Università di Göteborg, e poi si sposta a Stoccolma per lavorare nel settore del marketing, divenendo product manager in alcune aziende. Ma dura poco, perché riceve in dono un corso di scrittura creativa dal marito, dalla madre e dal fratello, corso focalizzato sulla narrativa crime che le permette delineare il suo primo romanzo, The Ice Princess, pubblicato in Svezia nel 2003 e in Italia nel 2010 con il titolo di La principessa di ghiaccio. Una traduzione fortunatamente lineare, che non va a intaccare il significato dell’opera.

L’affermazione in Svezia

Nulla è dato al caso, e Läckberg dimostra di fare tesoro di ogni esperienza. Gli studi di economia e marketing ke sono infatti d’aiuto per i primi passi nell’editoria, perché fin dalla pubblicazione della sua prima opera Camilla capisce l’importanza di avere un contatto personale con i clienti, e sceglie di andare a molte presentazioni e sessioni di autografi per creare un rapporto vero con i suoi lettori.

Camilla Läckberg

Una strategia molto efficace, unita a quella di riuscire a scrivere, nei primi anni, un romanzo crime all’anno, e anche a differenziare la sua produzione scrivendo due libri di cucina insieme allo chef Christian Hellberg, un suo amico d’infanzia. La strategia paga molto, al punto che nel 2006 – a 3 anni dalla prima pubblicazione – Camilla Läckberg è l’autrice più venduta in Svezia. 

Nel 2007 arriva la prima resa cinematografica di un suo libro, mentre nel 2012, grazie a lei, Fjällbacka è su tutti gli schermi perché ambientazione della Serie TV The Fjällbacka Murders. Nel 2013, invece, il suo quinto romanzo, The Hidden Child, viene trasposto in un’opera cinematografica.

Camilla Läckberg alla conquista dell’Europa

Cinema e serie TV, e la sua intensa produzione, le fanno presto superare i confini svedesi, al punto che diventa una delle scrittrici più lette in tutto il vecchio Continente. Molti dei suoi libri diventano best seller in Danimarca, Regno Unito, Francia, Spagna e Italia, nonché anche in altri 50 paesi del mondo. In Italia rappresenta una delle poche scrittrici scandinave non pubblicate da Iperborea (in quanto la casa editrice non esisteva o era alle prime armi): i suoi libri infatti vengono pubblicati da Marsilio Editore, e sono tutti tradotti da Laura Cangemi, ad eccezione di Tempesta di neve e profumo di mandorle.

Continua anche la sua produzione di libri per l’infanzia, in particolare focalizzata su una serie che ha come protagonista Super Charlie, un bambino con i super poteri, divenuto personaggio anche di canzoni pop e persino di videogiochi.

Affermatasi a livello globale, Camilla Läckberg non ha mai smesso e non smette di scrivere, ma nel frattempo è anche comproprietaria dell’azienda di gioielli Sahara Silversmycken, azienda fondata dalla designer Lovisa Wester Bäckström; e anche nella composizione di testi musicali e di ballo; molto tempo, inoltre, lo dedica a iniziative benefiche nei confronti dei bambini. Tutte le sue attività, comunque, sono continuamente aggiornate da lei e dal suo team sul sito ufficiale della scrittrice.

Attività più recente è del 2017 si chiama: Invest In Her AB, ed è una compagnia di investimenti che sostiene lo sviluppo di prodotti e servizi per le donne, e favorisce il possedimento femminile.

I libri più venduti

Le opere della Läckberg sono tutte svolte all’interno o nei pressi di Fjällbacka, un paesino che come di consueto per la cultura nordica, si presta a stranezze e a delitti da risolvere. Nonostante questo, a parte la saga che vede i due protagonisti e quindi crea un legame con le diverse pubblicazioni, Camilla riesce a delineare personaggi sempre intriganti e profondi, che al contempo possono rendere anche ogni libro autoconclusivo e indipdendente.

Queste le sue opere più famose e vendute, in Italia:

Ali d’argento (La storia di Faye Vol.2)

La principessa di ghiaccio

La gabbia dorata (La storia di Faye Vol.1)

Lo scalpellino – opera del 2005 che ha consacrato il suo successo nazionale e scandinavo.

La sirena

Altre storie
Vivere in Finlandia
Vivere in Finlandia: l’esperienza di Silvia, studentessa erasmus