Mads Mikkelsen

Mads Mikkelsen sarà (forse) Gellert Grindelwald in Animali Fantastici!

È di questi giorni la notizia che Warner avrebbe scelto Mads Mikkelsen per rimpiazzare Johnny Depp nella saga di Animali Fantastici. L’attore americano è stato allontanato dopo le polemiche legate alle sue vicende personali con Amber Heard. Non vogliamo entrare qui nel merito, ma solo andare a capire chi è Mikkelsen, un attore danese molto noto a Hollywood e celebre per aver interpretato il ruolo di Hannibal nell’omonima Serie TV!

Leggi Anche: Il cinema tetro e disturbante di Lars Von Trier

Notizia certa?

In realtà, proprio negli ultimi due giorni lo stesso Mads Mikkelsen ha dichiarato che sono solo rumor quelli che riguardano l’attore nel ruolo di Gellert Grindelwald a partire dal terzo capitolo della saga non troppo fortunata di Animali Fantastici. Mikkelsen ha infatti detto di non saperne nulla, e che è venuto a saperlo leggendo i giornali proprio come i fan.

Fan Art uscita in seguito ai rumor sul nuovo interprete di Grindelwald

Non è certo che quanto dice sia vero: queste del resto, sono mosse hollywoodiane. Lui infatti potrebbe voler aspettare a confermare fino a che il contratto non è concluso; oppure la stessa Warner, come spesso succede, potrebbe aver alimentato il rumor per vedere la reazione dei fan, che in effetti è stata molto positiva.

Per ora, quindi, la notizia non è certa, ma sarebbe bello avere un po’ di Danimarca nella saga di Animali Fantastici, anche in virtù del fatto che lo stesso Grindelwald è un personaggio nordico, sicuramente non britannico né tantomeno americano!

Chi è Mads Mikkelsen?

Ma chi è Mads Mikkelsen? Insieme a Lars Von Trier, in effetti, potrebbe essere il lavoratore dello spettacolo danese più famoso a Hollywood e, quindi, al mondo – anche se è esattamente il contrario di Lars Von Trier. Il regista cupo, infatti, è pieno di psicosi, e non ha nascosto di odiare il sistema hollywoodiano. In America non c’è mai andato (anche perché ha il terrore degli aerei) e i suoi film sono produzioni europee, girate in giro per l’Europa.

Mads Mikkelsen

Mikkelsen, invece, è ben inserito nel sistema Hollywood. È nato il 22 Novembre 1965 a Copenhagen, figlio secondogenito di Henning Mikkelsen, un bancario, e di Bente Christiansen, un’infermiera. Ha un fratello maggiore, Lars Mikkelsen, anche lui attore, ed entrambi crescono insieme ai genitori nel quartiere di Nørrebro, nella parte settentrionale della capitale.

Dopo aver fatto qualche esperienza come ginnasta, si trasferisce a Göteborg, in Svezia, per studiare danza all’accademia della seconda città della Svezia, e qui impara anche lo svedese. Il sua lavoro di ballerino dura 10 anni, finché abbandona il ballo per iniziare a studiare recitazione alla scuola teatrale di Aarhus (tornando, quindi, in Danimarca) nel 1996, già trentenne.

Mads Mikkelsen nei panni di One Eye nel film “Valhalla Rising” di Refn

Una mossa efficace, dal momento che qualche anno dopo esordisce al cinema nel film Pusher, primo della trilogia del regista danese Nicolas Winding Refn, che riscosse un enorme successo in Danimarca. La popolarità crebbe quando, tra il 2003 e il 2004, partecipò alla serie TV poliziesca Rejseholdet, e al contempo divenendo protagonista di 3 film di Anders Thomas Jensen, oggi più noto come sceneggiatore che come regista. Di questi tre, citiamo il più celebre: Adams Æbler (Le mele di Adamo), uscito nel 2005.

L’esordio internazionale arriva nel 2004, quando viene scelto per interpretare il ruolo di Tristano nel film King Arthur, mentre la notorietà arriva nel 2006, quando è scelto dalla regista danese Susanne Bier come protagonista del film Efter Brylluppet (Dopo il Matrimonio), che ricevette la nomination agli Oscar come miglior film straniero. La consacrazione definitiva è dovuta al suo ruolo di antagonista principale, Le Chiffer, nel film Casino Royale, il ventunesimo della saga di James Bond, diretto in quel caso da Martin Campbell.

Altre importanti partecipazioni lo vedono interpretare i ruoli di:

  • Igor Stravinsky nel film del 2009 Coco Chanel & Igor Stravinsky del regista franco-olandese Jan Kounen;
  • Il vichingo One-Eye in Valhalla Rising sempre di Nicolas Winding Refn (che conferma il loro sodalizio).
  • Lucas nel film del 2012 Il Sospetto, diretto da Thomas Vinterberg e che gli è valso il premio come miglior attore al Festival Di Cannes. 
Mads Mikkelsen
Mads Mikkelsen aka Lucas ne “Il Sospetto” di Thomas Vinterberg, film per il quale ha vinto il premio come migliore attore protagonista a Cannes

Tutte importanti partecipazioni che lo consacrano al pubblico internazionale. Nel 2013 ottiene il ruolo di Hannibal Lecter nell’omonima serie TV, ispirata ai romanzi di Thomas Harris; mentre nel 2015 è al fianco di Rihanna, nel videoclip del singolo Bitch Better Have My Money. I suoi ruoli più recenti lo vedono in Doctor Strange della Marvel, dove interpreta ancora l’antagonista; e sempre in casa Disney nello spin-off Rogue One: A Star Wars Story. Esordisce anche su Netflix, nella produzione Polar, diretto dal regista e batterista svedese Jonas Åkerlund, in cui interpreta lo spietato assassino Duncan Vizla, e molto apprezzata è anche la sua interpretazione dell’enigmatico Clifford Unger nel videogame Death Stranding.

Mads Mikkelsen interpreta Hannibal Lecter nella serie TV “Hannibal”

Insomma, l’espressione un po’ accigliata, misteriosa, seria (seriøs, come direbbe lui in danese) lo vedono spesso in ruoli di antagonista, o comunque di personaggi ambigui, profondi, e ricercati. E in effetti, la sua versatilità e la sua capacità come attore sarebbero ottime per un personaggio polivalente, ambizioso e spietato come Grindelwald. Tra l’altro, la tipologia di personaggi cattivi, ma spesso carismatici e ironici, lo avvicina al Grindelwald “creato” da Johnny Depp, che nel film Animali Fantastici: i crimini di Grindelwald ci ha reso simpatico il personaggio, quasi arrivando a volerci far parteggiare per lui.

Allora non ci resta che attendere, e incrociare le dita. Sperando che, nel frattempo, Warner abbia lavorato a sufficienza alla sceneggiatura, e che soprattutto non spuntino altre problematiche che rallentino lo sviluppo di una saga che ha bisogno di riprendersi.

Altre storie
russ
I “russ” e la festa tradizionale degli studenti norvegesi