Black Friday Iperborea

Black Friday Iperborea: 3 offerte allettanti su Amazon

Il black Friday è arrivato, e può essere una buona occasione per acquistare qualche libro, in formato cartaceo o e-book, in sconto. Noi vogliamo consigliarvi tre libri della casa editrice Iperborea, che si occupa di tradurre e importare in Italia opere del Nord Europa, e che fanno parte dell’offerta Black Friday Iperborea su Amazon. Quale investimento migliore, in effetti, di un buon libro con cui passare il tempo libero in questi lunghi periodi di lockdown?

Sono tre libri davvero stupendi e consigliatissimi, di tre autori tra i più acclamati della Scandinavia e che ora si trovano in formato Kindle su Amazon con oltre il 70% di Sconto. Di seguito, quindi, troverete le tre opere con relative sinossi, sperando di avervi dato qualche suggerimento gradito e inaspettato!

LA VERA STORIA DEL PIRATA LONG JOHN SILVER di Björn Larsson

Dal sito Iperborea:

Ci sono libri che danno pura gioia, facendo vibrare dentro di noi tutte le corde del nostro amore per la lettura: il racconto trascinante unito a temi che ci toccano nel profondo, la suspense e l’avventura e un sottile gioco letterario che stimola la nostra complicità, una documentata ricostruzione storica e il fascino di personaggi più grandi del reale, nati già immortali. È quel che capita con il romanzo di Björn Larsson: ci ritroviamo adulti a leggere una storia di pirati con lo stesso gusto dell’infanzia, riscoprendo quella capacità di sognare che ci davano i porti affollati di vascelli, le taverne fumose, i tesori, gli arrembaggi, le tempeste improvvise e le insidie delle bonacce, come anche il semplice incanto del mare e la sfida libertaria di ribelli contro il cinismo dei potenti. In più con la sorpresa di vederci restituito, in tutta la sua ambigua attrazione e vitalità, uno dei personaggi che davano a quell’infanzia l’emozione della paura: chi racconta in prima persona è Long John Silver, il temibile pirata con una gamba sola dell’Isola del Tesoro, fatto sparire da Stevenson nel nulla per riapparirci ora vivo e ricco nel 1742 in Madagascar, intento a scrivere le sue memorie. E non è solo a quell’“e poi?” che ci veniva sempre da chiedere alla fine delle storie che risponde Larsson, è al prima, al durante, al dietro: com’era il mondo all’epoca della pirateria, i legami con il commercio ufficiale, la tratta degli schiavi, il contrabbando, le atroci condizioni dei marinai, i soprusi dei capitani, il codice egualitario dei pirati, le loro efferatezze e quelle contro cui si ribellavano, le motivazioni e le ingenuità dei grandi “gentiluomini di ventura”. Ma è a un personaggio letterario che è affidato il compito di rivelare la “verità”, un personaggio cosciente di esistere solo nelle parole, che dialoga in un pub di Londra con Defoe fornendogli notizie per la sua storia della pirateria, che risponde a Jim Hawkins dopo aver letto L’Isola del Tesoro, e che, in quel continuo gioco di rimandi, indaga sul rapporto tra realtà e invenzione, sete di vivere e bisogno di immortalità, solitudine e libertà, con la consapevolezza che non esiste altra vera vita di quella che raccontiamo a noi stessi.

TITOLO ORIGINALE: LONG JOHN SILVER

PRIMA EDIZIONE: OTTOBRE 1998

PP. 512

NAZIONE: SVEZIA

TRADUZIONE DI: K. DE MARCO

INTRODUZIONE DI: R. MUSSAPI

COLLANA: NARRATIVA

NUMERO DI COLLANA: 75

ISBN: 9788870910759

Back Friday Iperborea: IL PASTORE D’ISLANDA di Gunnar Gunnarsson

Black Friday Iperborea

Dal sito Iperborea:

Il Natale può essere festeggiato in tanti modi, ma Benedikt ne ha uno tutto suo: ogni anno la prima domenica d’Avvento si mette in cammino per portare in salvo le pecore smarrite tra i monti, sfuggite ai raduni autunnali delle greggi. Nessuno osa sfidare il buio e il gelo dell’inverno islandese per accompagnarlo nella rischiosa missione, o meglio nessun uomo, perché Benedikt può sempre contare sull’aiuto dei suoi due amici più fedeli: il cane Leó e il montone Roccia. Comincia così il viaggio dell’inseparabile terzetto, la «santa trinità», come li chiamano in paese, attraverso l’immenso deserto bianco, contro la furia della tormenta che morde le membra e inghiotte i contorni del mondo, cancellando ogni certezza e ogni confine tra la terra e il cielo. È qui che Benedikt si sente al suo posto, tra i monti dove col tempo ha sepolto i suoi sogni insieme alla paura della morte e della vita, nella solitudine che è in realtà «la condizione stessa dell’esistenza», con il compito cui non può sottrarsi e che porta avanti fiducioso, costi quel costi, in un continuo confronto con gli elementi e con se stesso, per riconquistare un senso alla dimensione umana. Nella sua semplicità evocativa, Il pastore d’Islanda è il racconto di un’avventura che diventa parabola universale, un gioiello poetico che si interroga sui valori essenziali dell’uomo, un inno alla comunione tra tutti gli esseri viventi. Esce per la prima volta in Italia un classico della letteratura nordica che ha fatto il giro del mondo e sembra aver ispirato Hemingway per Il vecchio e il mare, considerato in Islanda il vero canto di Natale.

TITOLO ORIGINALE: ADVENT

PRIMA EDIZIONE: NOVEMBRE 2016

PP. 160

NAZIONE: ISLANDA

TRADUZIONE DI: MARIA VALERIA D’AVINO

COLLANA: NARRATIVA

NUMERO DI COLLANA: 272

ISBN: 9788870914726

LUCE D’ESTATE ED È SUBITO NOTTE di Jón Kalman Stefánsson

Dal sito Iperborea

“A volte nei posti piccoli la vita diventa più grande”, a volte la lontananza dal rumore del mondo ci apre al richiamo del cuore, dei sensi, dei sogni. È questo intenso sentire a erompere dalla vita di un paesino di quattrocento anime della campagna islandese, dove la luce infinita dell’estate fa venir voglia di scoperchiare le case e la notte eterna dell’inverno accende la magia delle stelle. Un microcosmo che è come una lente di ingrandimento sull’eterna partita tra i desideri umani e le trame del destino, tra i limiti della realtà e le ali dell’immaginazione. Il direttore del Maglificio che per decifrare la frase di un sogno si immerge nel latino e nell’astronomia fino ad abbandonare tutto per i segreti dell’universo, la postina avida di vita che legge ogni lettera per poi rendere pubblici i più piccanti affari privati dei compaesani, l’avvocato che crede che il mondo si regga sul calcolo ma poi scopre che non può contare i pesci nel mare né le sue lacrime. Ogni sentiero dell’animo umano sembra trovare spazio in un caleidoscopio di storie che abbraccia le pulsioni più torbide e i sentimenti più puri, il palpito dell’unica estate vissuta dagli agnelli prima di finire al macello e il brivido di un rudere che risveglia i fantasmi, o il bisogno di mistero che è nell’uomo. Combinando l’incanto della poesia e un umorismo implacabile ma pieno di tenerezza per le debolezze umane, Stefánsson cerca una risposta alla domanda “Perché viviamo?” e la insegue immergendoci nel fiume in piena della vita. Ogni storia è un mondo sospeso tra la terra e il cielo, come un mito universale, una parabola dell’esistenza, ogni pagina è una rivelazione che ci tocca nel profondo e ci stupisce, ci fa ridere, piangere, arrossire, sognare.

TITOLO ORIGINALE: SUMARLJÓS, OG SVO KEMUR NÓTTIN

PRIMA EDIZIONE: GIUGNO 2013

PP. 304

NAZIONE: ISLANDA

TRADUZIONE DI: SILVIA COSIMINI

POSTFAZIONE DI: SILVIA COSIMINI

COLLANA: NARRATIVA

NUMERO DI COLLANA: 217

ISBN: 9788870915174

Altre storie
Bandiere Scandinave
Le bandiere scandinave: origini, colori, significati di una regione molto unita