Compleanno Scandinavo

Per un compleanno Scandinavo, ecco come si festeggia in Danimarca e Svezia

Tutti gli anni la stessa storia: vuoi festeggiare il tuo compleanno, ma alla lunga non hai più idee su come organizzare una festa che ti rappresenti. Se, come me, sei amante della cultura scandinava, ti propongo qui due nuove e diverse visioni di festeggiamenti: quella danese, e quella svedese. Due diverse idee di compleanno Scandinavo, che vanno bene se come me sei nato in inverno, ma anche se sei nato d’estate.

Nella nostra cultura, il compleanno si basa soprattutto sul fare una bella festa, divertente, con torte e regali. In Scandinavia, invece, anche il compleanno rientra nell’idea di “stare bene”, di relax e benessere, che rientra negli onnipresenti concetti di “hygge” (per la Danimarca) e di “FIKA” (per la Svezia).

In entrambi i casi, quindi, si va oltre la semplice pasticceria, ma è una giornata dedicata a quella persona, ma anche alla stessa patria. Iniziamo a vedere il compleanno scandinavo secondo la Danimarca e secondo la Svezia, due nazioni che ancora una volta si confermano estremamente diverse nelle loro similarità! 

Fødselsdagen: il compleanno scandinavo in Danimarca

Per capire le celebrazioni dei compleanni in Danimarca, bisogna sempre tenere a mente l’enorme e incondizionato amore dei danesi per la loro bandiera. Chiamata Dannebrog, è la bandiera più antica del mondo ancora in uso, e la “madre” di tutte le altre bandiere scandinave: se vuoi saperne di più, ne ho parlato in questo articolo.

Danimarca

Oggi più che in passato, il Dannebrog è simbolo delle feste e della celebrazione, per cui viene tirato fuori in tante occasioni diverse, tra cui appunto i compleanni. Nelle strade di città e paesini danesi, la bandiera si trova in diverse forme e dimensioni, in modo da accontentare tutti i gusti e quindi essere più in sintonia nel giorno speciale della persona. 

Anche le aste che reggono le bandiere sono molto diverse, perché così possono abbinarsi al tavolo usato per la festa di compleanno. Chi non trovasse l’asta giusta, comunque, può sempre optare per delle bandierine davvero mignon, in stile coriandoli, oppure anche tovaglie letteralmente ricoperte di bandiere danesi, per chi volesse esagerare. 

In Italia, naturalmente, è difficile trovare le bandierine italiane. Volendo, vista l’unione delle culture, puoi fare una festa italo-danese, abbinando a dei piccoli tricolori italiani qualche oggetto con rappresentato il Dannebrog, come per esempio tazze, cuscini per il pavimento – che diventano un modo originale per far sedere gli ospiti, specie ora che siamo costretti in casa – magliette, cappellini e via dicendo. Ti lascio qualche esempio pratico qui: 

Tra l’altro, piccola curiosità, ogni volta che è il compleanno di un membro della famiglia reale danese, compaiono Dannebrog su tutti gli autobus di tutta la Danimarca, mentre in occasione del compleanno del Re e/o della Regina – in questo caso, di Margrete II di Danimarca – vengono esposte le bandiere in tutte le città.

Auguri e canzoncine

Il giorno del tuo compleanno, ti sentirai ripetere dai tuoi amici danesi “Tillykke med fødselsdagen!”, ovvero il classico “Auguri!/Buon compleanno”. Alla tua festa, invece, i danesi ti canteranno la Danske Fødselsdag Sang, ovvero la tradizionale canzone di compleanno danese che, rispetto a quanto siamo abituati in Italia, Paesi Anglosassoni e Francia, ha anche motivato e intonazioni diverse. 

Il testo recita così: 

Idag er det *Navn*s fødselsag,

Hurra hurra hurra

Han sikkert sig en gave får,

Om han har ønsket sig i år

Og dejlig chokolade med kager til.

Og når han hjem fra skolen går,

Hurra hurra hurra

Så skal han hjem og holde fest

Og hvem der kommer med som gæst

Får dejlig chokolade og kager til”.

 

Oggi è il compleanno di *Nome*,

Urrà urrà urrà

Sicuramente riceve un regalo,

Se quest’anno lo ha desiderato

E per lui del buon cioccolato e torte.

E quando torna a casa da scuola

Urrà urrà urrà

Poi arriva a casa e fa festa

E chi viene come ospite

Riceve del buon cioccolato e torte

Le torte a cui si riferisce la canzoncina possono essere diverse, in quanto la pasticceria danese è davvero variegata, e propone sia dolci tipici che dolci ispirati soprattutto alla tradizione austriaca. Tuttavia, la torta tipica del compleanno scandinavo secondo la Danimarca è la Lagkage, ovvero la torta a strati, che risolve tutte le divergenze: ai danesi piace moltissimo, e se devi portare un dolce per il compleanno di una persona che conosci poco (come un nuovo collega), è sempre la scelta giusta.

Si tratta di un dolce a strati molto alto (quasi torreggiante) e particolarmente dolce: è fatta con pan di Spagna leggero, ricoperto con della crema pasticciera e, volendo, farcita con crema e/o frutti di bosco. È anche abbastanza semplice da preparare in casa, quindi perfetta per stupire i tuoi ospiti con qualcosa tipico del compleanno scandinavo.

Ti starai chiedendo perché ancora non c’è nulla di macabro, ma tranquillo: ai danesi, lo splatter piace anche nel giorno del proprio compleanno (e ci si chiede perché Lars Von Trier abbia un gusto così tetro e macabro…). È tradizione per i danesi – per i bambini danesi, soprattutto – che venga praticato il taglio della gola del pasticcere. 

Si tratta ovviamente di un pasticcere di marzapane, interamente ricoperto di zucchero e glassa e i cui capelli sono dei laccetti. È una tradizione che, come dicevo, riguarda soprattutto i bambini, che in questo modo si divertono ed è anche una maniera carina per stupirli, mentre alle cene dei compleanni di adolescenti e adulti è una pratica meno diffusa, se non quasi assente. 

Per questi ultimi, il momento più importante è naturalmente il momento in cui tutte le candele vengono spente all’unisono. Secondo la credenza danese, si dice che qualsiasi candela accesa rappresenta il numero di partner che hai. Al di là della superstizione giocosa, dopo che le candele sono state spente, la prima fetta va data al festeggiato che viene cantato in coro, a volumi particolarmente alti – al momento della torta, festeggiato e ospiti sono ubriachi già da un po’. E poi, il malcapitato (quasi) sobrio che taglia la torta distribuisce le altre fette agli invitati.

Compleano scandinavo danese: responsabilità e 25 anni

In Danimarca nel giorno del tuo compleanno sei anche responsabile del tempo metereologico. Per cui, se quel giorno il cielo è azzurro e splende il sole, gli amici ti daranno una pacca sulla spalla e ti ringrazieranno. Se invece il cielo è grigio e piove, vuol dire che ti sei comportato male. E quindi, perché farti regali importanti? (Ovviamente si scherza: i danesi e gli scandinavi in generale sono molto ironici).

In Danimarca, come un po’ ovunque, molta importanza viene data ai 25 anni: in questa occasione, gli amici più stretti di ricopriranno, letteralmente, di cannella. È un segno di augurio e felicità, simbolo dell’amore incondizionato della Danimarca nei confronti delle spezie, e in particolare della cannella che è onnipresente in dolci e non solo. Comunque, c’è anche un modo per resistere a questo assalto profumato: presentarsi alla festa con occhialini da nuoto e impermeabili. Fidati: i tuoi vestiti scelti con cura ti ringrazieranno. 

L’augurio della cannella è un augurio di tipo relazionale: i tuoi amici, se sei single, ti ricoprono di questa spezia per spingerti a trovare un partner. Se dopo 5 anni, ovvero a 30, sei ancora single, passeranno alle maniere forti: il pepe!

Födelsedagsfirande: il compleanno scandinavo in Svezia

Passiamo ora alla Svezia, e partiamo subito con un dato particolarmente interessante: la maggior parte degli svedesi festeggia il compleanno alla fine di marzo e aprile. Contando i 9 mesi di gravidanza all’indietro, si arriva all’inizio dell’estate, ovvero a luglio, mese in cui quasi tutti gli svedesi sono in vacanza. Non credo ci sia bisogno di aggiungere altro…

Tornando a noi, anche gli svedesi ci tengono molto al loro compleanno, anche se rispetto a quello danese è una festa molto più sobria. Come pensierino, in Svezia sono molto graditi i fiori e il cioccolato, ma soprattutto è apprezzato un biglietto d’auguri con belle parole, che loro vedono come vero e proprio segno che la persona ci tiene. Anche questo è un dato interessante, considerato quanto gli svedesi siano tendenzialmente poco sentimentali ed emotivi: se ricevi un biglietto così da un tuo amico autoctono, sai per certo che ti considera un vero amico. 

Tradizione particolare nei compleanni svedesi – soprattutto nelle cifre tonde, come 20, 30, 40, 50 anni e via dicendo – è quella della Öppet hus vid födelsedag”, ovvero della “casa aperta”. Tramite annunci sul giornale, o di bocca in bocca, il festeggiato apre la sua casa a tutti quelli che conosce e che vogliono venire a festeggiare il suo compleanno a casa sua. L’invito vale per tutto il giorno, dal mattino fino a notte fonda, e ogni ospite può rimanere non più di due ore (gli svedesi programmano tutto).

La cosa difficile è che non sai mai quanta gente si presenta, né quando arriverà, per cui nel dubbio tieniti sempre preparato con biscotti e torte. Inoltre, non esitare a chiedere aiuto a qualcuno di aiutarti nel servizio. Nei compleanni di “metà decennio” (i “5”, quindi 25, 35…) non si usa tanto la casa aperta, ma si organizza una festa con gli amici. Oppure, gli amici organizzeranno una festa a sorpresa per te.

Bandiere e colazioni a letto

Anche in Svezia la bandiera è molto sentita: rispetto alla Danimarca, viene issata solo nel giorno nazionale svedese e per il compleanno del Re, ma gli svedesi possono farlo anche nel giorno del loro compleanno, per dimostrare che è un’occasione speciale. Sì, se te lo stai chiedendo, in Svezia ci sono giorni ben precisi in cui è legale esporre la bandiera, e altri invece in cui proprio non si può.

In casa, oltre alla bandiera issata, è tradizione anche la Frukost på sängen, ovvero la colazione a letto. I familiari del festeggiato si avvicinano silenziosamente a lui mentre dorme, con la colazione preparata su un vassoio contenente anche una candela o un fiore. E poi, iniziano a cantare la canzone di compleanno svedese. È simile a quella italiana o inglese, ma la differenza è che dopo aver detto il nome del festeggiato si grida “Hurra” per quattro volte.

Questa usanza risale al glorioso Seicento svedese: infatti, in questo periodo, quando le navi da guerra dovevano identificare il loro Paese di appartenenza, quelle svedesi lanciavano due colpi di cannone, che diventavano 4 quando era presente anche il Re. Ecco il perché dei 4 Hurra oggi, anche se non si capisce bene come le due cose siano collegate!

Compleanno Scandinavo in Svezia: le date importanti

Gli svedesi possono annoverare non poche date importanti nei loro compleanni. Eccole tutte:

  • 7 anni, perché inizi la Prima elementare;
  • 15 anni, perché puoi iniziare a guidare il ciclo motore (Moppe);
  • 16 anni, perché puoi iniziare a fare pratica di guida;
  • 18 anni, per la maggiore età;
  • 20 anni, perché puoi comprare i superalcolici.
  • 30/40 anni, perché alcuni lavori (soprattutto quelli pubblici) prevedono una settimana in più di ferie.
  • 50 anni, perché mezzo secolo e ti viene dato in automatico il giorno libero dal lavoro per festeggiare- 
  • 65 anni, età della pensione (media; in generale va dai 61 ai 67 anni).
Altre storie
Undredal
Undredal: il villaggio che ha ispirato Arendelle del film Frozen!