Libri Sui Vichinghi

7 libri sui Vichinghi per gli amanti degli antichi guerrieri del nord

Passano gli anni, ma i Vichinghi continuano a suscitare fascino e ammirazione, e rimangono tutt’ora ciò per cui la Scandinavia è più famosa a livello storico-culturale. Va detto che spesso le storie che li riguardano, nell’immaginazione e nella cultura popolare, sono piene di romanticismo, fantasia, di dettagli molto lontani dalla realtà, anche se di recente sono emerse alcune nuove verità storiche, contenute anche nei 7 libri sui vichinghi che andremo a vedere tra poco.

Noti come temibili guerrieri, esploratori intrepidi, selvaggi e pagani, i Vichinghi erano dei veri e propri mercanti senza paura e senza alcun timore, che vissero nel periodo compreso tra il 793 e il 1066, date in cui convenzionalmente si stabilisce la cosiddetta “era vichinga”. I Vichinghi poteva essere trovati nella maggior parte del mondo allora conosciuto dagli europei, quindi nel Mediterraneo, nel Vicino Oriente e, verso la fine della loro epoca, anche in Nord America. È noto infatti che dopo aver colonizzato l’Islanda – in seguito alla fuga dalla Norvegia per opera di Harald Bellachiomasi spinsero fin sulle coste dell’attuale Terranova, in Canada. 

Nel corso della loro epoca, e fino alla loro definitiva scomparsa a causa della formazione dei moderni Regni Scandinavi e dell’Europa Medievale, saccheggiarono e fecero scorrerie in tutto il Continente, rapinando ogni tipo di bene materiale, ma anche rapendo bambini e bambine per rivenderli come schiavi, specialmente agli Arabi. Poche cose erano più temibili, per gli europei, di un attacco Vichingo, senza considerare che conquistarono governarono la maggior parte dell’Inghilterra e della Scozia per più di un secolo.

Libri Sui Vichinghi

I Vichinghi, però, erano solo una parte di un popolo, quello norreno, che per lo più era costituito da contadini, artigiani, schiavi e casalinghe. Persone molto povere, la cui vita consisteva per lo più in un duro lavoro fisico senza fine, in una terra dal clima difficile e imprevedibile, e in un ambiente socio-politico incredibilmente violento e brutale. I norreni erano bersagli dei Vichinghi tanto quanto – se non di più – gli altri europei, ed erano prima di tutto bambini e bambine norreni che i Vichinghi vendevano nel resto d’Europa. Non solo: i norreni erano soggetti ad altre difficoltà, come malnutrizione e malattie gravi che avrebbero potuto colpirli in ogni momento.

Questa, però, è solo una piccola premessa. I 7 libri sui vichinghi che sto per consigliarti sapranno immergerti in questa epoca affascinante, permettendoti di viaggiare mentre sei a casa, in metro, in treno, o seduto su una panchina al parco. Ho selezionato libri per ogni tipo di lettore, dal principiante al più esperto di cultura nordico-scandinava. Non è un elenco dal migliore al peggiore o viceversa, ma sono disposti in ordine di difficoltà.

Un’ulteriore premessa: la quasi totalità della storiografia vichinga è in lingua inglese, motivo per cui pochi dei libri che vi consiglio sono in italiano. Iniziamo subito!

Lars Brownworth – The Sea Wolves: A History of the Vikings 

Iniziamo con un libro molto semplice, l’introduzione ideale alla storia dei vichinghi visto che non richiede nessuna conoscenza pregressa, e ha uno stile molto semplice e accessibile. Attenzione perché semplice non vuol dire sciatto, anzi Brownworth rende il racconto ricco, colorato, e pieno di informazioni, che danno luogo a una storia ricca di azione e  coinvolgimento Insomma, non un libro “database”, o un elenco di dati, ma molto divertente ed educativo.

Il libro di Brownworth si focalizza per la maggior parte sui Vichinghi come guerrieri, mercenari e predoni, mentre la vita norrena e i suoi aspetti, pur essendo presenti, sono molto marginali. Anche per questo è un libro adatto a chi conosce poco di questi guerrieri, in quanto ha la formula giusta per attirare il lettore in questo mondo, iniziandolo con la parte più “coinvolgente” della storia.

Anders Winroth – The Age of the Vikings

Saliamo di livello, con un libro che, rispetto al precedente, è un po’ più accademico e per questo divisivo. Chi è amante di una scrittura dinamica e coinvolgente, da questo libri potrebbe rimanere deluso e annoiato. Ma comunque, siamo ancora a livelli accessibili, e che non richiedono conoscenze premesso. 

Per quanto ci siano focus sulle attività più note dei Vichinghi (pirateria e militari), la maggior parte dell’opera di Winroth si concentra sull’esplorazione di terre disabitate e remote, sugli insediamenti, le navi e le tecniche di navigazione, ma anche commercio, agricoltura, attività domestiche, istituzioni politiche, per finire con religione e poesia. 

Dal libro emerge la grande abilità di Winroth nell’istruire i suoi lettori su questo fenomeno, passando per l’archeologia e le relazioni storiche medievali. 

James Graham-Campbell – The Viking World

Le tematiche affrontate da quest’opera sono più o meno le stesse di quelle di Brownworth, che abbiamo visto sopra: c’è una panoramica dell’era vichinga, presentata al lettore inesperto e appassionato, o in cerca di nuove curiosità. Il linguaggio è sempre semplice, e adatto ai principianti, ma ciò che distingue questo libro è la grande presenza di immagini.

Tutte le pagine hanno almeno un’immagine di accompagnamento al testo: possono essere foto a colori di reperti archeologici, oppure paesaggi, o ancora disegni e diagrammi di edifici, o illustrazioni sulla tecnologia norrena. Come Winroth, quindi, Graham-Campbell cita e riporta studi di esperti e archeologi, ma con una scelta che punta tutto al visivo, per meglio aiutare il lettore a capire e a immaginare come fosse la vita e la società dell’antico popolo scandinavo.

John Haywood – The Penguin Historical Atlas of The Vikings

Di tutto il nostro elenco di libri sui vichinghi, questo è sicuramente il libro meno approfondito rispetto agli altri: anche qui abbiamo una panoramica generale sul mondo Vichingo, ma molto blanda e generalista. Il suo vero valore aggiunto è la compensazione della mancanza di testo e di fonti con una quantità spropositata di carte geografiche sui territori dei Vichinghi e dei norreni. 

Ce ne sono di ogni tipo, e delle più dettagliate, che rendono il libro edito dalla casa editrice Penguin (una delle più celebri) perfetto per coloro che rimangono sempre delusi dalla scarsità di mappe geografiche nei libri storici, che rende certo difficile capire dove effettivamente si svolgesse l’azione. Qui le carte sono a colori, piene di frecce che indicano le rotte dei Vichinghi pirati, ma anche dei coloni, dei mercanti e degli esploratori.

Oltre alle carte, il libro contiene numerose foto, che non fanno che arricchire la grande presenza visiva del libro. Sicuramente, quindi, da integrare con opere più approfondite, ma perfetto per avere un’idea visiva e geografica degli spostamenti e delle aree di interesse dei vichinghi.

Else Roeshdahl – The Vikings

Di tutt’altro piano il lavoro di Roesdahl: anche qui carte, foto e diagrammi, ma rigorosamente in bianco e nero, e che servono ad enfatizzare il testo, che rimane protagonista ed elemento portante di tutta l’opera. Di tutti i libri sui vichinghi, questo è di gran lunga il più approfondito per quel che riguarda i libri destinati al lettore inesperto.

Scrittura semplice e lineare, la Roesdahl per quanto semplice da seguire non è divertente come Brownsworth. È una scrittura che potremmo definire “accademica ma semplificata”, più leggera e sicuramente adatta a tutti. Per questo, alcuni potrebbero trovarlo poco invitante, ma per avere una prima infarinatura molto approfondita, difficile trovare di meglio.

Mila Fois – Saghe Islandesi

Iniziamo ad addentrarci più nel particolare, leggendo direttamente le saghe scritte dagli islandesi del Basso Medioevo sui Vichinghi e, in particolare, sulla colonizzazione dell’Islanda. Il libro di Mila Fois ne contiene diverse, ma nel panorama Italiano abbiamo (finalmente) una vasta scelta e il mio consiglio è quello di integrare l’opera con la Saga di Gunnar tradotta per Iperborea da Roberto Pagani e Fulvio Ferrari.

Sono libri epici, quindi non sempre semplici da seguire, ma sicuramente avvincenti, utili per conoscere i personaggi leggendari, spesso basati su figure realmente esistite, che hanno costruito la potenza vichinga e norrena nell’apice di questa società.

Kirsten Wolf – Viking Age: Everyday Life during the Extraordinary Era of The Norsemen

Concludiamo la serie di libri sui vichinghi con un libro di costume, che richiede sicuramente un po’ di conoscenze pregresse, a cominciare dalla conoscenza dell’esistenza del popolo norreno, a cui appartenevano anche i Vichinghi. Nel suo libro, la Wolf si concentra sulle usanze domestiche, la parte meno nota di un popolo ricordato per essere crudele e sempre in viaggio.

Grazie a quest’opera, il lettore è in grado di conoscere ogni aspetto della vita norrena, dalle pratiche agricole ai modelli di insediamento, dall’abbigliamento e i gioielli al cibo e alle bevande; dai ruoli di genere al sistema di parentela, finanche alle pratiche di educazione dei figli, le leggi, la politica, le costruzioni navali e via dicendo.

Questi aspetti erano trattati anche in alcuni dei libri sui vichinghi che ho elencato sopra, ma qua diventano il perno centrale, il focus su cui si concentra la scrittrice.

Altre storie
Göteborg
11 cose da vedere a Göteborg, la città di Volvo