Rita

Rita: la serie danese su una prof non convenzionale

Come la vita in una scuola danese? È davvero tutto perfetto ed efficiente come si potrebbe immaginare dall’Italia? In realtà no. Ci sono gli stessi problemi nel gestire difficoltà come tagli al budget, bullismo, integrazione, sessualità, rapporti complessi con i genitori, con i colleghi e con le necessità degli adolescenti. Ce lo mostra in modo crudo e senza filtri Rita, una serie danese creata da Christian Torpe e in cui l’attrice Mille Dinesen, già vista anche nella seconda stagione di Borgen, veste i pani di un’insegnante poco convenzionale.

È una serie dramedy come piace fare agli scandinavi, che alterna momenti divertenti e drammatici in modo intelligente e che ci accompagna per 5 stagioni. È stata trasmessa inizialmente da TV2 nel 2012, poi dalla terza stagione in poi è una coproduzione Netflix che l’ha distribuita anche in Italia e in tutto il mondo.

La trama di Rita

La serie è stata girata a Rødovre, una città nell’area urbana di Copenhagen, dove Rita è un’insegnante di mezza età la cui vita ruota sostanzialmente intorno alla scuola dove insegna. Ha una relazione altalenante con il preside Rasmus e vive con il più giovane dei tre figli, Jeppe che frequenta ancora la stessa scuola, in una casa a due passi dall’istituto, letteralmente oltre la siepe che ne delimita il giardino.

Insegna per “difendere i figli dai genitori”, come diverse volte Rita stessa ripete nel corso della serie. Riesce a capire le necessità dei propri studenti adolescenti, forse perché ancora vicina a loro nella mentalità e per aiutarli usa metodi non convenzionali, va controcorrente e non ha paura ad andare contro genitori e altri insegnanti. Spesso si scontra con Helle, la consulente scolastica, che rappresenta il suo opposto essendo molto attenta alle procedure e che è un po’ la sua nemesi nella scuola.

Rita
Rita e Hjørdis

Al fianco di Rita, invece, troviamo sempre Hjørdis, una giovane insegnante un po’ ingenua e dal cuore d’oro interpretata da Lise Baastrup. A inizio serie è al suo primo incarico come insegnante e non sa che fare, così prende subito Rita come modello e mentore, diventando poi la sua migliore amica. Su di lei è stata realizzata anche una miniserie spin-off di cui è protagonista.

Rita

La serie può essere poi divisa in due archi narrativi principali. Dopo le prime tre stagioni, infatti, Rita abbandona la scuola in cui ha sempre insegnato e decide poi di tornare nel piccolo paese di provincia in cui ha vissuto da adolescente e qui sono ambientate le ultime due stagioni.

Il carattere di una prof

La serie non racconta nulla di fantasioso, ma i problemi quotidiani che si devono affrontare in una qualsiasi scuola danese e il modo ingegnosamente concreto con cui un’insegnante riesce a trovare sempre (o quasi) una soluzione.

La sua forza è proprio questa, la capacità di raccontare la realtà in modo limpido, concreto, senza fare la morale e rappresentando non solo dei personaggi, ma delle persone vere con molte sfaccettature e ognuna con la propria storia.

Rita

A partire da Rita con la sua iconica camicia di flanella a quadri, che fuma di nascosto nei bagni della scuola pieni di scritte, forte e sicura a scuola, immatura e fragile a casa. La concretezza e l’abilità di Rita nel risolvere i problemi a scuola sono inversamente proporzionali alla maturità con cui affronta i propri rapporti personali.

Rita

Quando oltrepassa la siepe e torna a casa traspare tutta la complessità nel relazionarsi con Ricco, Molly e Jeppe, i tre figli che ha cresciuto da sola, ognuno dei quali ha le proprie difficoltà da affrontare e che Rita fatica a comprendere a pieno. Vediamo poi anche il suo rapporto turbolento con la madre e piano piano si scopre il suo passato da giovane ribelle.

Rita

Non solo Rita, ma tutti i personaggi comprimari, da Hjørdis a Jeppe fino a Rasmus e anche Helle, nel corso della serie evolvono pur restando fedeli a se stessi. Di difficoltà in difficoltà riescono a maturare, mostrando così la complessità e riuscendo come personaggi tutt’altro che piatti, ma realistici e sfaccettati.

Le altre Rita

Il successo di Rita non solo ha superato i confini della Danimarca con un buon seguito in tutta Europa, ma come altre serie scandinave – quali per esempio Skam – ha portato anche alla creazione di diversi remake in altre lingue. Così nei Paesi Bassi nel 2015 è stata prodotta Tessa, purtroppo per una sola stagione, mentre in Francia e Belgio dal 2016 è in produzione Sam che invece è già arrivata a 5 stagioni.

Rita

Anche oltreoceano sembra esserci interesse per la serie. Infatti nel 2019 il canale via cavo Showtime ha commissionato la produzione di un remake statunitense di Rita. Non si sa ancora l’effettiva data di uscita, che è stata posticipata a causa della pandemia. È interessante, però, e anche indicatore della portata del progetto, che a prendere i panni di Rita dovrebbe essere niente di meno che Lena Headey, la spietata Cersei di Game of Thrones.

Altre storie
Vino Svedese
Come la Svezia si sta scoprendo grande produttrice di vino